Newsletter

Just enter your email to get all the latest offers

La Publistile dà lustro al tuo esercizio commerciale

Per un negozio, uno stabilimento o un’attività commerciale di prestigio una bella insegna è come un bell’abito o un’acconciatura alla moda per una donna avvenente o un biglietto da visita stampato a caratteri eleganti per un professionista stimato. Se si vuole fare bella figura non ci si può esimere dal mettersi nelle mani di professionisti affidabili.

Come quelli della Publistile, «con tutte le i italiane» raccomanda con orgoglio il titolare Vito Di Dia. Nome italiano per un’azienda che da 60 anni si colloca nella grande tradizione artigianale nazionale applicata ai moderni procedimenti industriali.
Da quando, partendo dall’esclusivo brevetto delle insegne delle tabaccherie che portano il marchio della Publistile in tutta ll Italia, l’azienda ha cominciato a vestire la luce. Proprio come un sarto che confeziona abiti sagomandoli sul vostro personale, il signor Di Dia, coadiuvato dai suoi familiari e dalle maestranze, confezionerà l’insegna giusta per voi. Ad una chiamata gli addetti effettueranno il sopralluogo presso la vostra attività, vi proporranno tutte le soluzioni possibili, le personalizzeranno secondo il vostro gusto, confezioneranno un preventivo gratuito, realizzeranno il progetto, costruiranno la vostra insegna ideale nello stabilimento di Settimo  in cui ha sede l’azienda. Infine verranno a montarvi la vostra opera d’arte di luce.

Tecnologia a LED

La nuova tecnologia a led permette di ottenere un risparmio energetico fino al 60%. I nuovi modelli di insegne per tabaccherie con la T a led permettono al potenziale cliente di vedere anche da lontano il punto vendita. Tutti i nostri modelli, dai cassonetti in alluminio alle trifacciali, sono realizzati con materiali di alta qualità e progettati per stare all’esterno.

Alcune nostre installazioni

Insegne per tabaccherie

Le insegne per tabaccherie si evolvono e chi, se non Publistile, che da 60 anni produce esclusivamente insegne per tabaccherie in tutta Italia, può seguire quest’evoluzione?